Benessere

Gli effetti non visivi dei colori. Qual è la base scientifica di questa affermazione?

Lo spettro luminoso può influenzare il nostro corpo e il modo in cui ci comportiamo molto più di quanto si pensi, e per un preciso meccanismo biologico che ha poco a che fare con la vista.

Il rosso accelera i battiti cardiaci, il blu rasserena, il verde favorisce il sonno… Quante volte sentiamo associare ai colori effetti più o meno benefici sull’organismo? Qual è la base scientifica di queste affermazioni?

Da un paio di decenni, come spiega un articolo pubblicato su The Conversation, si indaga sugli effetti non visivi del colore. Così come l’orecchio, deputato all’ascolto, regola anche l’equilibrio, l’occhio presiede essenzialmente a due funzioni. I fotorecettori, ossia le cellule sensibili al colore nella retina, inviano segnali elettrochimici alla corteccia visiva, la parte del cervello in cui prendono forma le immagini che vediamo.

 

 

UN’ALTRA STRADA

Tuttavia, alcune cellule della retina chiamate cellule gangliari, rispondono alla luce mandando segnali ad una regione centrale del cervello che non si occupa della vista: l’ipotalamo. Questa struttura secerne ormoni che regolano vari aspetti dell’organismo, come temperatura, stimolo alla fame, sonno e ritmi circadiani. Le cellule gangliari sono selettivamente sensibili alle lunghezze d’onda più corte dello spettro luminoso (quelle blu-verdi).

SONNO

Esiste dunque una via di comunicazione fisiologica ben precisa tra la luce e il modo in cui questa influisce su umore, battito cardiaco, stato di veglia, impulsività. L’esposizione alla luce blu-verde, nelle prime ore del mattino, aumenta la produzione di cortisolo e inibisce quella di melatonina, svegliandoci. Di sera, quando la quantità di questo tipo di luce diminuisce, la melatonina aumenta, e ci viene sonno (mentre la luce blu di smartphone e tablet contrasta questo effetto naturale, favorendo l’insonnia).

UMORE

I cambiamenti nell’esposizione a questo tipo di luce potrebbero anche essere alla base dei disturbi stagionali dell’umore legati all’arrivo dei mesi invernali. La luce rossa sembra avere un piccolo, ma individuabile effetto di accelerazione sui battiti cardiaci. Quella blu, al contrario, li rallenta, e non è il suo unico beneficio. Secondo i risultati, sono il verde e il blu i colori più scelti dalle persone: simbolicamente associabili con scenari rilassanti, sono consigliati spesso anche dagli arredatori per le tonalità delle stanze da letto.

Il nero è considerato un colore che può aumentare gli stati depressivi: è associato da sempre alla tristezza e all’angoscia. Secondo i risultati dello studio, chi subisce questi stati è più incline a scegliere colori “negativi”, come le tonalità del nero e del grigio, mentre tra i colori “neutri” tende a ridurre il rosso: infine, tende ad abolire completamente quelli “positivi” come il verde e, in particolare, il giallo.

COMPORTAMENTI PERICOLOSI

Dopo che nel 2009, LED a luci blu sono stati installati sulla Yamanote, la rete ferroviaria urbana di Tokyo, i tassi di suicidio sulla linea sono diminuiti del 74%. Luci dello stesso colore sono quindi state installate anche alle stazioni ferroviarie dell’aeroporto di Gatwick. Il motivo della loro efficacia non è ancora ben chiaro: tre anni di studi sul rapporto tra luce blu e impulsività non hanno dato risultati significativi. Naturalmente il rosso è considerato un colore “passionale”, non sempre legato a emozioni positive: può rappresentare l’amore e l’energia, ma anche la morte con un richiamo simbolico al sangue. La sua peculiarità principale è quella di stimolare l’aggressività, grazie all’ aumento del testosterone nell’ uomo: è dunque particolarmente indicato per attività fisiche come gare e competizioni, e per lo sport.

APPENA ALL’INIZIO

Infine, ci si è concentrati anche sulla presenza o sull’ assenza di luce, che comprende tutte le tonalità principali: secondo lo studio può avere importanti proprietà terapeutiche.  La diffusione di LED sempre più efficienti, e di laboratori in cui modulare la luce in modo preciso e selettivo, sta incoraggiando questo filone di studi: è ora chiaro che esiste un rapporto (biologico, non frutto di credenze) tra colori e reazioni fisiologiche dell’organismo. Capirne le dinamiche aiuterà a sfruttare meglio la luce a nostro vantaggio. La luce blu, ad esempio, viene utilizzata per la cura dell’ittero del neonato. Inoltre nei soggetti con depressione stagionale, rappresenta la prima scelta terapeutica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *